Yield Farming e DeFi cosa sono?

Lo Yield Farming é stato l’argomento più caldo dell’estate DeFi 2020.

Il rapporto tra finanza decentralizzata e mercato delle criptovalute è per ovvi motivi molto legato.

Una delle applicazioni più utilizzate già oggi e che integra la finanza decentralizzata, sono gli exchange decentralizzati. Questo tipo di exchange permettono di scambiarsi le criptovalute supportate senza che sia necessaria un’autorità centrale.

Ma oltre a scambiarsi crypto, ci sono altre applicazioni integrate ad essa, come lo Yield Farming. Nel 2021, il valore totale bloccato delle pool di liquidità continua a raggiungere nuovi massimi. Quindi, cos’è, come funziona?

Lo Yield Farming puó essere lo staking o prestare criptovalute al fine di generare alti rendimenti o ricompense sotto forma di criptovaluta aggiuntiva. Questa applicazione innovativa ma rischiosa e volatile della finanza decentralizzata, è recentemente salita alle stelle in popolarità grazie a ulteriori innovazioni. Lo Yield Farming è attualmente il più grande motore di crescita della ancora-nascente nel settore DeFi.

In breve, questi protocolli incentivano fornitori di liquidità (LP) a mettere in gioco o bloccare i loro fondi in una pool di liquidità basato su smart contract.

Questi incentivi possono essere una percentuale delle commissioni di transazione, gli interessi dei prestatori o un token di governance della piattaforma. Questi rendimenti sono espressi come rendimento percentuale annuo (APY). Man mano che più investitori aggiungono fondi alla relativa pool di liquidità, il valore dei rendimenti emessi diminuisce di conseguenza.

I protocolli DeFi e piattaforme più popolari ora operano sulla rete Ethereum & BSC, offrendo token di governance per il cosiddetto mining di liquidità. I token vengono proprio coltivati in cambio della fornitura di liquidità agli exchange decentralizzati, (DEX).

Questa “estrazione” si verifica quando un partecipante guadagna ricompense in token come compensazione aggiuntiva ed è diventato famoso dopo che Compound ha iniziato a emettere COMP, (il suo token di governance) agli utenti della sua piattaforma. La maggior parte dei protocolli adesso, premiano i fornitori di liquidità con token di governance, che di solito possono essere scambiati su entrambi gli exchange se listati, come Binance o DEX come Uniswap .

Che cos’è l’APY nello Yield Farming?

Gli utenti e la maggior parte dei protocolli e delle piattaforme calcolano i rendimenti stimati in termini di APY.

APY è il tasso di rendimento guadagnato nel corso di un anno su un investimento specifico. L’interesse composto, che viene calcolato regolarmente e applicato all’importo, viene computato nell’APY.

Dall’estate della DeFi del 2020, gli utenti hanno inseguito le APY più alte, senza calcolarne il minimo rischio. Questi protocolli possono essere altamente rischiosi e suscettibili di imprevisti. Inoltre, il rendimento viene guadagnato sotto forma di token di protocollo ed è soggetto a oscillazioni di prezzo altamente volatili.

Ma esiste lo Yield Farming su Bitcoin?

Sebbene non ci siano protocolli DeFi per Bitcoin, WBTC porta efficacemente Bitcoin nella blockchain di Ethereum e nelle applicazioni DeFi. I titolari di Bitcoin possono guadagnare una piccola percentuale di rendimento wrappando i propri bitcoin.

I rischi dello Yield Farming

Lo Yield Farming, può essere incredibilmente complesso e comporta un rischio finanziario significativo sia per i mutuatari che per i prestatori. Di solito è soggetto a elevate commissioni, specialmente se viene utilizzata la rete Ethereum e vale la pena solo se vengono forniti migliaia di dollari come capitale.

Gli utenti corrono anche ulteriori rischi di perdita temporanea e slittamento dei prezzi quando i mercati sono volatili.

In particolare, il rischio maggiore é l’hack su questi protocolli. Questi sono suscettibili di hack e frodi a causa di possibili vulnerabilità dei protocolli. I bug di codifica possono verificarsi a causa della forte concorrenza tra i protocolli, in cui il tempo è essenziale e i nuovi contratti e le funzionalità sono spesso non verificati o addirittura copiati da predecessori o concorrenti.

Esempi di vulnerabilità che hanno provocato gravi perdite finanziarie includono il protocollo Yam (che ha raccolto oltre 400 milioni di dollari in giorni prima che venisse scoperto un bug critico) e Harvest.Finance, che nell’ottobre 2020 ha perso oltre 20 milioni di dollari per un attacco.

I protocolli DeFi sono senza autorizzazione e dipendono da diverse applicazioni per funzionare senza problemi. Se una qualsiasi di queste applicazioni sottostanti viene sfruttata o non funziona come previsto, potrebbe avere un impatto sull’intero ecosistema e comportare la perdita permanente dei fondi degli investitori.

C’è stato un aumento dei protocolli rischiosi che emettono i cosiddetti token meme con nomi basati su animali e frutta, offrendo rendimenti APY a migliaia.

Si consiglia di procedere con cautela con questi protocolli, poiché il loro codice è in gran parte non verificato e i rendimenti sono un capriccio per i rischi di liquidazione improvvisa a causa della volatilità dei prezzi.

Molti di queste pool di liquidità sono truffe contorte che si traducono in “rug pull”, in cui gli sviluppatori prelevano tutta la liquidità dal pool e scappano con i fondi.

Poiché la blockchain è immutabile per natura, molto spesso le perdite DeFi sono permanenti e non possono essere annullate. Si consiglia pertanto agli utenti di familiarizzare realmente con i rischi e di condurre le proprie ricerche.