Paypal mostra sempre interesse per gli asset crittografici

Il gigante dei pagamenti PayPal ha confermato di aver adottato “misure unilaterali e tangibili” per “sviluppare le sue capacità” nell’area delle criptovalute.

Nel 2019, PayPal inizialmente ha firmato una lettera di intenti non vincolante per partecipare all’Associazione Libra, ma ha lasciato il progetto nello stesso anno, affermando anche di “monitorare e valutare continuamente gli sviluppi globali della blockchain e le sue applicazioni.

Di particolare interesse per noi è il modo in cui queste tecnologie e criptoasset possono essere utilizzate per ottenere una maggiore inclusione finanziaria e contribuire a ridurre o eliminare alcuni dei punti deboli che esistono oggi nei servizi finanziari”, hanno detto.

Inoltre, il colosso dei pagamenti ha aggiunto che “sarebbe favorevole” ad un approccio armonizzato nei mercati dell’UE in materia di requisiti di licenza o autorizzazione applicabili.

“Il quadro normativo dovrebbe consentire l’immissione sul mercato di prodotti e servizi innovativi senza oneri normativi indebiti, fornendo al contempo chiarezza normativa, orientamento e garanzie”, ha affermato la società.

PayPal afferma di avere oltre 300 milioni di account attivi in ​​tutto il mondo e di servire clienti e aziende in 31 giurisdizioni europee, che rappresentano circa 95 milioni tra commercianti e consumatori. 

A giugno circolavano voci, dopo che diverse fonti anonime avevano affermato che PayPal ha intenzione di offrire l’acquisto e la vendita di criptovalute direttamente da PayPal e dall’app di pagamento mobile di proprietà di PayPal, Venmo.