Public Mint lancia la sua blockchain con il supporto di 200 banche

Public Mint ha lanciato la sua blockchain pubblica “fiat-native”, consentendo a chiunque di tokenizzare valute fiat “di qualsiasi dimensione con o senza un conto bancario”.

Il progetto è arrivato sul mercato dopo un lungo periodo di sviluppo, quasi 2 anni e ha affermato di aver inserito a bordo oltre 200 banche per far parte della sua rete.

Le aziende che utilizzano Public Mint possono ricevere pagamenti tramite carta di credito, bonifico bancario o pagamento ACH.  Inizialmente, la rete supporterà solo il dollaro USA, ma gli sviluppatori hanno in programma di aggiungerne altri.

Halsey Minor, co-fondatrice di Public Mint spiega:

“La genesi di Public Mint è stata quella di consentire alle banche regolamentate di detenere fondi che potevano quindi essere tokenizzati o” coniati “, consentendo la creazione di applicazioni e processi aziendali attorno al denaro senza spostare denaro tra le banche”,

Minor è anche co-fondatore della piattaforma multimediale digitale CNET e ha anche fondato VideoCoin Network, una piattaforma multimediale decentralizzata che ha collaborato con Public Mint.

Sebbene la società non abbia rivelato alcuna specifica tecnica della blockchain, è basata su una versione modificata di Hyperledger Besu con un diverso meccanismo di consenso e commissioni basate su fiat.

Hyperledger e IBM Digital Asset Labs supportano anche il nuovo progetto “blockchain”.

“In Hyperledger, siamo entusiasti di vedere Public Mint affrontare le sfide della valuta programmabile e del trasferimento di fondi senza attriti”.

Ha dichiarato Brian Behlendorf, direttore esecutivo di Hyperledger. 

“Sviluppando la sua soluzione con Hyperledger Besu, Public Mint sta giocando un ruolo prezioso nel promuovere lo sviluppo e la distribuzione del nuovo Hyperledger DLT.”

ha aggiunto Nitin Gaur, direttore di IBM Digital Asset Labs.

“In stretta collaborazione con le banche e le società fiduciarie e in conformità con le normative regionali e globali, Public Mint sta mantenendo questa promessa in modo che tutte le imprese, dalle tradizionali aziende consolidate alle nuove e innovative startup DeFi possano spianare la strada all’ascesa del digitale Risorse “.