La velocitá del cambiamento tecnologico

La velocità del cambiamento tecnologico sta guidando trasformazioni sociali diverse e profonde.

Mentre l’accesso alle tecnologie dell’informazione e della comunicazione crea molte opportunità positive, metà del mondo non ancora accesso ad internet.


La disuguaglianza digitale è aggravata da un persistente divario di genere online anche per coloro che hanno un certo grado di accesso potrebbero non averlo in modo significativo che consentirebbe loro di rivendicare diritti economici, sociali, culturali, politici e civili, questa rimane una grande promessa che Internet e le nuove tecnologie dovrebbero offrire.

Certamente, gli “haves”, gli “arrivati digitali” godono di molte nuove strade per l’espressione, l’associazione, l’autorappresentazione e il progresso economico, nonché l’opportunità di amplificare la loro voce e autonomia personale. Internet è anche uno spazio sempre più utilizzato di nascosto dai potenti e influenti per definire e limitare i cittadini.

Tra sociale e autotitarismo.


Da un lato, Internet è uno strumento sociale che consente nuove forme di cittadinanza digitale, scambio di informazioni e partecipazione pubblica. D’altro canto, ha reso possibili manipolazioni, ad esempio, con attori governativi e società come Cambridge Analytica che sfruttano i modelli di pubblicità basati sui social media per influenzare le elezioni.


Dato il ruolo centrale che i social svolgono nella nostra vita quotidiana, queste piattaforme sono diventate un bersaglio per campagne di propaganda e operazioni di informazione.
Internet è lungi dall’essere un territorio neutrale, nonostante i numerosi vantaggi che si ottengono per gli individui.

Stati, società e troll online utilizzano le stesse tecnologie e gli stessi strumenti informativi per identificare e rintracciare i cittadini, monitorare il dissenso e sorvegliare la mobilità, il potere e l’espressione delle persone.

Internet non è libero dalla logica di dominio e appropriazione tipica del neoliberismo, in cui la tendenza è quella di dare la priorità alla redditività, spesso a scapito della democrazia e del servizio all’umanità.
Le soluzioni sono spesso presentate sotto le spoglie dell’empowerment digitale nell’industria 4.0.


Il fallimento della politica pubblica nell’affrontare l’interazione tra economie politiche, realtà socio-culturali e persino economiche è un fattore chiave delle divisioni digitali e della drammatica e lenta crescita dell’accesso a Internet.


Dalla centralizzazione dell’attività online su diverse piattaforme di social media e capacità dei governi di attuare iniziative di sorveglianza di massa e regolamentazione dei contenuti online da parte dello Stato.


I dati personali vengono raccolti attraverso piattaforme digitali e venduti dalle stesse aziende che affermano di collegare il mondo come una forza di democrazia e di potenziamento dei poveri. La progettazione di algoritmi e l’uso dei dati personali da parte delle società tecnologiche sono privi di trasparenza e responsabilità, nonostante il fatto che le persone, in quanto utenti, siano il prodotto per monetizzare.


Gravi preoccupazioni etiche sono evidenti su diverse questioni, principalmente con l’uso di dati personali come valuta nei “mediascapes” online, guidati dalla manipolazione del consenso in termini di accordi di servizio non trasparenti. Facciamo sempre più affidamento sulle piattaforme digitali e sui loro algoritmi come linee di vita economiche e sociali, come intermediari di appartenenza alla comunità globale, come strumenti di “cittadinanza digitale” e semplicemente per rendere la vita più comoda nonostante l’opacità delle condizioni.