Una Blockchain orientata sulla privacy può alimentare le app di tracciamento del Coronavirus

Su scala globale, ci sono discussioni crescenti su un’applicazione di tracciamento del coronavirus . Costruire una soluzione del genere richiederà molto lavoro, soprattutto quando si tratta di rispettare la privacy degli utenti.

Man mano che la pandemia globale infuria, diventa ancora più importante tenere d’occhio le regioni ancora libere dal virus.

LE SOLUZIONI BLOCKCHAIN PER IL CORONAVIRUS RIMANGONO POPOLARI

I governi vogliono tenere traccia dei movimenti della popolazione in tutto il paese. Tutti questi sforzi sono fatti per assicurare che nessuno possa diffondere ulteriormente il coronavirus .


Nei Paesi Bassi è stato istituito un think tank per affrontare questo particolare approccio, Non è affatto un processo facile, poiché ci sono molti fattori da prendere in considerazione. Un aspetto è come verrà affrontata la privacy degli utenti.

Alcune app garantiscono che i dati personali raccolti tramite tali app siano crittografati, altri vogliono semplicemente raccogliere tutto ciò che possono, per vari scopi.

L’uso della tecnologia blockchain, ad esempio, può sbloccare un percorso tra questi due approcci.

Una soluzione blockchain orientata alla privacy , combinata con le tecnologie esistenti, può avere alcune applicazioni interessanti. Durante questa pandemia globale di coronavirus, la blockchain ha ricevuto molta attenzione.

Ciò che alla fine porterà a tutti questi sviluppi, resta da stabilire. Dopotutto, sembra improbabile che il mondo intero abbracci improvvisamente questa tecnologia per una causa unificata.