La crisi del coronavirus mostra i vantaggi della realtà virtuale per gli appassionati di criptovalute

Durante la crisi del coronavirus, molta attenzione si è spostata sui meeting online e sulla comunicazione virtuale. Tutto ciò sembra indicare che la realtà virtuale diventerà più popolare, anche nel settore delle criptovalute.

La realtà virtuale rimane una tecnologia di nicchia per la maggior parte dei consumatori e delle aziende.

ESPLORAZIONE DELLE CRYPTO E REALTÀ VIRTUALE 

È qualcosa di cui nessuno ha davvero bisogno, nonostante il suo potenziale. Durante la crisi del coronavirus , la domanda di soluzioni “sociali” online è in aumento. Come tale, ora è il momento di brillare per la realtà virtuale, anche nel mondo delle criptovalute.

Diversi incontri orientati alla criptovaluta hanno già avuto luogo in VR negli ultimi mesi. Sebbene la pool di utenti sia ancora relativamente piccola, mostra quanto potenziale ha questa tecnologia.

Detto questo, mancano ancora progetti crittografici e blockchain orientati alla realtà virtuale. Finora, sembra che Decentraland sia l’unica vera opzione che vale la pena esplorare, almeno per ora.

Fino a quando la VR non decollerà su scala più ampia, non è nemmeno necessario che gli sviluppatori esplorino quella tecnologia. Solo il tempo dirà se la realtà virtuale e la criptovaluta possono prosperare insieme o rimanere mercati di nicchia separati.

È evidente che le tecnologie innovative dovranno arrivare al “livello successivo” dell’adozione. In questo momento, sembra che un tale spostamento accadrà per le criptovalute, ma non necessariamente per la realtà virtuale .