India: Bitcoin può emergere come risorsa di riferimento per i giovani indiani?

In paesi come l’India, le innovazioni tecnologiche come la criptovaluta e la blockchain hanno un grande potenziale e possono offrire immensi benefici ad oltre un miliardo di persone. Per l’adozione di criptovalute in India, il divieto bancario dell’RBI era un serio ostacolo. Tuttavia, il fatto che sia stato revocato all’inizio di questo mese apre la strada ad una maggiore adozione di criptovalute come Bitcoin, esponendo al contempo la popolazione del paese a molti dei suoi valori utilitaristici.

Nell’ultima edizione del podcast di Blockcrunch, Sumit Gupta, cofondatore e CEO di CoinDCX , ha parlato delle implicazioni della revoca del divieto RBI e del panorama delle criptovalute in India. Sottolineando l’importanza dell’India per la cripto-industria, Gupta ha affermato:

“L’India dà accesso a 1,3 miliardi di persone all’ecosistema blockchain. Questo è circa il 20% della popolazione mondiale … in termini di dati, l’India è sicuramente un mercato caldo per questo ecosistema, ed è un mercato non sfruttato. “

Secondo Gupta, in India, il demografico a cui è attratto lo vede principalmente come una forma di investimento. Commentando ulteriormente la natura degli utenti di criptovalute in India, Gupta ha osservato,

“Le persone stanno investendo in Bitcoin nell’ultimo anno. Il motivo principale è che stanno cercando percorsi di investimento alternativi, oltre all’oro e al settore immobiliare. ”

Ha continuato a sottolineare che con una maggiore chiarezza normativa, la criptovaluta in India probabilmente attrarrà una parte maggiore degli investitori al dettaglio.

“Al momento sarebbero principalmente commercianti o speculatori. Ma la tendenza cambierà nel tempo e vedremo arrivare molti interessi investiti, compresi i family office che non hanno ancora avuto un’esposizione a criptovalute a causa dell’incertezza normativa. “

Tuttavia, il cripto interesse in India ruota attorno alle criptovalute come Bitcoin per funzionare come strumento di investimento. A differenza di molti altri paesi in via di sviluppo, la criptovaluta non è diventata parte della narrativa sui pagamenti in India. Gupta ha anche sottolineato che in termini di trasferimenti bancari, Unified Payments Interface (UPI) è diventato un modo importante per gli indiani di trasferire fondi tra conti bancari istantaneamente e senza commissioni di transazione, specialmente tra i giovani.

Questo potrebbe essere uno dei motivi per cui il paese non si è ancora convertito in cripto come mezzo di scambio su scala più ampia.

Tuttavia, in termini di adozione, Gupta ha visto il lato positivo. Ha detto,

“il tasso di crescita delle persone che entrano nella criptovaluta è alto e più veloce dei mercati azionari, il che mostra chiaramente gli enormi livelli di interesse tra la giovane popolazione indiana per provare la criptovaluta”.

È interessante notare che, da quando il tribunale supremo ha revocato il divieto, l’India è stata al centro di una rinnovata attenzione globale da parte della più grande cripto-industria. Uno dei più grandi cripto-exchange del mondo, Binance, con l’India  WazirX , ha creato un fondo da $ 50 milioni per supportare le startup blockchain nel paese. CoinDCX ha anche promesso  $ 1,3 milioni per finanziare l’istruzione e la consapevolezza legate alla criptovaluta in India.

Dato che l’ambiente normativo si sta ora riscaldando alla crittografia, paesi come l’India potrebbero trarre enormi benefici da una varietà di casi d’uso della crittografia.