CRAIG WRIGHT difende il suo avvocato “I AM LAWYER”

Da quando il coronavirus ha dirottato i titoli dei giornali, Craig Wright e la sua causa hanno fatto un passo indietro. Ma, state tranquilli, l’aspirante inventore del Bitcoin sta ancora combattendo il suo angolo. Ora, si oppone ufficialmente all’ordine del magistrato che respinge il suo privilegio di avvocato del Kenya.

In un documento ufficiale di opposizione nel caso in corso tra Kleiman e Wright, Wright afferma che il Magistrate Order on Discovery era ingiusto. I suoi avvocati affermano che:

erroneamente ignorato il rapporto avvocato-cliente tra l’imputato e il suo avvocato keniota sulla base di conclusioni preconcette e precedentemente formulate sul carattere dell’imputato.

Tuttavia, in quest’ultima mozione, Craig Wright afferma di essere stato trattato ingiustamente in base al suo personaggio e non ai fatti:

L’evidenza del personaggio ha un leggero valore probatorio e può essere molto pregiudizievole. Tende a distogliere l’attenzione dai fatti dalla domanda principale di ciò che è realmente accaduto in quella particolare occasione … L’Ordine dovrebbe essere invertito e lasciato libero.

Oltre a indicare a diversi avvocati i privilegi del cliente che l’ordine viola e le assunzioni del personaggio dell’imputato, Wright insiste sul fatto che non ci sono prove per dimostrare che questo documento è un falso. Anche se a giudicare dal suo curriculum, è comprensibile il motivo per cui il giudice ha adottato un approccio cauto.

Tuttavia, Craig Wright insiste sul fatto che la dichiarazione di Mayuka dovrebbe essere trattata in modo isolato. 

La dichiarazione del signor Mayaka non è stata confutata o contraddetta, e non ci sono prove che suggeriscano che si tratti di un falso. Tuttavia, l’Ordine ha respinto in modo sommario la Dichiarazione di Mayaka perché il Magistrato aveva precedentemente trovato (su una questione diversa) che l’imputato aveva presentato altri “documenti falsi in questo contenzioso”.

L’appello per invertire l’ordine è stato presentato il 23 marzo dagli avvocati di Wright. Non è chiaro quanto tempo ci vorrà perché il tribunale risponda, o se prenderà in considerazione i reclami.