L’AUSTRALIA HA GRANDI SPERANZE PER LA BLOCKCHAIN

A seguito dei recenti sviluppi politici, i paesi si affrettano a mettere insieme una strategia blockchain. Nel caso dell’Australia, recentemente è stato reso pubblico un rapporto molto lungo e dettagliato. 

Nonostante abbia ignorato questa tecnologia per molti anni, è diventata improvvisamente di grande interesse per i governi di tutto il mondo.

La Cina, ad esempio, ha reso molto chiare le sue intenzioni negli ultimi mesi. Ora sembra che l’Australia stia facendo esattamente lo stesso.

Il governo locale ha recentemente pubblicato un rapporto sulla strategia blockchain che copre oltre 50 pagine.

La maggior parte dell’attenzione riguarda i servizi finanziari e assicurativi, che attualmente rappresentano il 40% dell’industria blockchain nazionale.

Andando avanti, l’obiettivo deve essere quello di promuovere altri casi d’uso per i registri distribuiti. Ci sono centinaia se non migliaia di opportunità in attesa di essere esplorate.

Diverse aziende stanno già emergendo come potenziali contendenti per guidare la carica in questo senso. Detto questo, è evidente che la blockchain è agli inizi in Australia .

Questo vale praticamente per tutti gli altri paesi che manifestano interesse per questa tecnologia. Nessun paese ha alcuna vera misura normativa neanche per i registri distribuiti.

Fino a quando queste linee guida non saranno in atto, questo settore non potrà prosperare né evolversi.

Il governo australiano riconosce che esiste un potenziale, ma resta da vedere se qualche iniziativa avrebbe successo.