Un passo avanti verso BitLicense

Probabilmente il tema più ricorrente nel 2014, il quadro normativo BitLicense con sede a New York è stato sicuramente lo sviluppo più atteso ed evidenziante nella sfera Bitcoin . Dalle fasi iniziali di pesanti critiche da parte della comunità Bitcoin alle autorità di regolamentazione che ripensano all’innovazione, è stato un bel passaggio. Per ora, mentre entriamo nel primo trimestre del 2015, sembra che il giorno della proposta finale di BitLicense si stia avvicinando. In una recente intervista con Charlie Herman, l’ospite della della WNYC denaro Parlare, NYDFS sovrintendente Benjamin Lawsky parla dei suoi piani per il rilascio delle regole finali per un Bitlicense

Dopo aver annunciato le ultime revisioni della bozza di BitLicense due settimane fa il 19 dicembre a Washington, DC, il passo successivo è che rilasceranno il testo integrale della revisione nei prossimi giorni. Dopo l’uscita, ci sarà un altro periodo di commenti di trenta giorni per il pubblico. Solo allora vedremmo una versione finale di Bitlicense . Un ETA per questo sarebbe da qualche parte alla fine del Q1 2015, secondo Ben Lawsky . Lawksy sottolinea che è così che funziona il processo normativo di New York e non c’è modo di evitarlo. A causa dell’influenza di New York come centro finanziario del mondo, vogliono assicurarsi di creare regolamenti solidi e coerenti senza soffocare l’innovazione. 

La NYDFS ha paura di sbagliare, ha risposto che ci hanno pensato molto e ha scartato categoricamente la possibilità di un fallimento. Da qualche parte durante la fine dell’intervista radiofonica, Ben Lawksy parla di una chiamata che ha ricevuto da un importante regolatore di Washington e di come i regolatori statali stanno guardando le valute digitali da una prospettiva diversa. Si sofferma ulteriormente sull’argomento sottolineando il panorama normativo su scala nazionale all’interno degli Stati Uniti. Nonostante l’importanza di New York come hub finanziario, Ben Lawsky crede nella tecnologia di Bitcoin.